• La Rabbia cosa rappresenta e cosa manifesta?

    Immagine da studiopsicoterapiasantarelli.com

    La rabbia, come tutte le emozioni, si presenta per comunicare qualcosa, porta con sé un messaggio.

    Quando essa bussa alle nostre porte, sentiamo un movimento, irrequietezza, nervosismo e continui pensieri che arrivano ad annebbiare la mente.

    Anche a livello fisico subiamo delle alterazioni: la respirazione è più veloce, i battiti del cuore aumentano, la voce assume un tono più aggressivo, e così via dicendo.

    Solitamente la rabbia arriva quando c’è un’alterazione del nostro equilibrio interno. Quando una o più persone e/o situazioni ci provocano dolore. E’ una risposta quando sentiamo nel profondo che qualcosa non va. E manifesta una grande energia, facendo perdere in quel momento la funzione cognitiva.

    Ricordiamoci sempre che non vi sono emozioni buone ed emozioni cattive.

    Le emozioni sono presenti in noi dalla nascita: gioia, tristezza, paura, rabbia, ecc. Esse ci accompagnano nel corso di tutta la Vita.

    Dobbiamo però col tempo imparare a conoscerle e riconoscerle. Ascoltarle, dialogarci e poi accompagnarle in una direzione che può farci crescere.

    Sicuramente quando si è sotto stress (ed oggigiorno succede sempre di più), si possono avere reazioni di rabbia repentine ed immediate. Come si dice basta una “goccia che fa traboccare il vaso”.

    Reprimerla o far finta che non vi sia, può portare ad altri disagi, quali depressione o azioni compulsive.

    Immagine da news.gallup.com

    Qualora si arrivi a capire che la rabbia si presenta quando vi sono situazioni stressanti, può essere utile lavorare con varie tecniche, per esempio: prepararsi psicologicamente al momento che si dovrà vivere, ridurre l’importanza dell’evento e l’incertezza, visualizzare/ meditare, fare sport, coltivare hobby, ecc.

    E’ molto importante anche riuscire a maturare un’attitudine positiva e cercare di vedere il lato favorevole delle cose, affrontando tutto con maggiore ottimismo ed entusiasmo.

    Perché questa grande energia che sentiamo arrivare quando la rabbia si presenta, se ben indirizzata può essere una grande alleata, altrimenti può diventare un potete mezzo di distruzione o autodistruzione.

    Ma ricordiamo che abbiamo sempre la possibilità di scegliere come indirizzare la nostra energia! Con un po’ di esercizio e applicazione :-)-

    A presto! Ele

  • COME MAI SI CREANO SEMPRE PIU’ MURI NEI RAPPORTI AMOROSI?

    Foto da www.thoughtcatalog.com

    Siamo ormai tutti abbastanza coscienti che forse una delle sfide più grandi che abbiamo nella vita sia la relazione amorosa.

    Le persone più anziane spesso dicono “ci si sopporta poco”, “ormai va di moda separarsi” o altre frasi che sembrano molto giudicanti, ma se ci fermiamo ad ascoltarle, portano dei messaggi.

    La verità sta sempre nel mezzo.

    E’ chiaro che nel mondo d’oggi, fortunatamente, ci si possa “lasciare” più facilmente rispetto al passato e che questa sia una possibilità che possa essere sicuramente la soluzione per tanti rapporti non sani.

    D’altra parte, si assiste sempre di più ad un irrigidimento tra la figura femminile e quella maschile e una sorta di mancanza di comunicabilità e ascolto reciproco.

    E la cosa pazzesca è che mentre si investe sempre più nel “materiale” (casa, macchina, vestiti, accessori, ecc.) allo stesso tempo si perde quella semplicità tipica della costruzione di un nucleo chiamato “NOI”: pochi diverbi e si arriva ad insultarsi, differenze di idee e ognuno fa quello che vuole; oppure si giunge alla considerazione che si può stare insieme ma con due vite di fatto separate.

    E nella velocità quotidiana a cui si è sottoposti, restando sempre “sul pezzo”, e lavorando molto con “logos” (ragione), viene meno anche l’ascolto interno, la rielaborazione, il lasciar fluire quell’onda che è arrivata, come tutte le altre onde che ci attraversano, perché così è la Vita, un continuo movimento!

    Si arriva a pensare alla fine, che c’è qualcosa che non va nell’altro. Oppure che non si è mai abbastanza.

    Ma è veramente reale tutto ciò? O è un dramma che si rimette in scena per non affrontare le situazioni o per puntiglio?

    Come mai non ci si mette per primi in discussione?

    L’altra persona spesso non è che il riflesso di come agiamo. E viceversa.

    Potremmo cambiare partner come cambiamo un vestito (ormai non è così difficile), ma è questo il segreto per trovare la serenità? Oppure è il modo per continuare a scappare da noi stessi inseguendo l’immagine di una persona ideale che non esiste?

    Possiamo fermarci e intraprendere seriamente quella ricerca del nostro senso di Amore, dei nostri limiti e delle nostre mancanze. E ormai ci sono tante vie per poterlo fare (psicoterapia, meditazione, …).

    Mettere tutto a nudo fa paura e una volta che apri il vaso può uscire di tutto, anche l’inimmaginabile, ma credetemi, è necessario.

    Per non continuare a girare come una trottola, perché ciò alla fine può diventare la più grande frustrazione.

    E sui rapporti amorosi, non dico che non si possa trovare la persona “giusta” subito; ciò che intendo dire è che per primi bisogna Essere pronti per una relazione di Amore perché sia definita tale.

    Riuscire veramente a investire tutto ciò che si ha e ancora e ancora. Riuscire a alimentare quel fuoco che si è acceso al primo incontro, affinché sia come la fiamma di un bel caminetto. Riuscire a continuare a guardare il proprio o la propria amata con nuovi occhi anche quando gli anni passano. Riuscire a prendere per mano l’altro o l’altra quando ci sono difficoltà, non fargli mai mancare l’affetto, dimostrarlo continuamente.

    Si hanno infiniti modi per farlo. Sono sicura che non sia la grandezza o meno del gesto, ma un atto spontaneo, di amore, di compresenza.

    E’ importarte “darsi”, donare una parte di sé anche senza sapere quando arriverà un “ritorno”, e mantenere la fiducia che ogni singola goccia è importante nella vastità del mare.

    E come disse Gandhi: “Sii il Cambiamento che vuoi vedere nel mondo”.

    Nutro una profonda speranza che tutti noi possiamo essere delle persone migliori se impariamo ad accettare e ad accettarci, per lo più nelle differenze piuttosto che nelle similitudini.

    Con enorme affetto, vi abbraccio 💖

    Elena

  • “RA MA DA SA”, UN MANTRA PER LA GUARIGIONE

    Immagine da pinterest

    Oggi vi parlo di un mantra molto semplice, allo stesso tempo potentissimo!

    “RA MA DA SA” aiuta a trovare armonia quando sentiamo disequilibrio, sia esso generato da un malessere mentale, spirituale, emotivo o fisico.

    Recitando queste parole, ci si collega alla Terra e all’Universo, ricordandoci chi siamo.

    Il mantra RA MA DA SA SA SEI HO HANG significa: Sole (RA), Luna (MA), Terra (DA), Dio Infinito impersonale Universo Assoluto (SA), l’aspetto personale dell’Infinito (SEI), fusione “Io sono Te” nell’infinito (SO HANG).

    Ci sono due belle tecniche da usare per recitarlo:

    1. Usando le dita delle mani, ossia congiungendo con morbidezza il pollice all’indice con RA, pollice e medio con MA, pollice e anulare con DA, pollice e mignolo con SA. E di seguito SA, pollice e medio con SEI, pollice e anulare con HO, pollice e mignolo con HANG.
    1. Oppure cantando la sillaba RA immaginando di direzionandola verso la destra (simbolicamente il Sole, il fuoco, l’energia maschile della famiglia); MA direzionandola verso la sinistra (simbolicamente la Luna, l’acqua e l’energia femminile della famiglia); DA raccogliendo l’energia della Terra, collegandosi alle radici dei nostri avi (affidabilità, sicurezza, fiducia); SA (simbolicamente l’aria) raccogliendo le tre energie Sole, Luna e Terra e lasciandole andare verso il cielo esprimendo la propria richiesta; SA SEI HO HANG rafforzano le nostre intenzioni.

    Con questo mantra riusciamo a innalzare le nostre vibrazioni, e farle ridiscendere, portando pace e il senso del tutto dentro di noi.

    Inoltre possiamo indirizzare con amore questo canto di guarigione a una persona sia essa vicina fisicamente o lontana.

    Lo Yogi Bhajan a riguardo scrisse:

    Quando canti questo mantra, ti innalzi all’infinito, e ritorni con il risultato completato. Molte persone dimenticano che la loro essenza è nell’infinito, nell’infinito potere creativo del cosmo. Quando una persona, essendo vera, si muove coscientemente attraverso la vita, ricevendo esperienze della sua bellezza, entra in contatto con la sua divinità. Dopo di ciò, sarà in grado di riunire il suo destino con le sue capacità più elevate …”.

    Immagine da www.worleygig.com

    Per iniziare puoi farti guidare ascoltando un video su you tube, per esempio: https://youtu.be/kYivP3gedCo.

    Buona nuova scoperta!

    Un abbraccio avvolgente 🤗

    Elena

  • La nostra guida interiore

    Immagine www.gaia.com

    Quando si sente di non esser abbastanza per se stessi e per gli altri, di non riuscire a fare ciò che si desidera, di non aver relazioni soddisfacenti, di non aver disponibilità economiche, si entra in un loop continuo e si lavora esclusivamente sulla “mancanza”, quindi sulla scarsità, sull’assenza, sul vuoto.

    E questo vortice che porta basse energie viene costantemente creato da noi.

    Ovvio ciò che sentiamo e’ una nostra verità, ci parla di noi, comunica attraverso le emozioni (la paura, l’ansia, la malinconia…).

    È anche un prezioso momento che va ascoltato, rielaborato e infine lasciato andare.

    Come? Cominciando a non dare potere a ciò che è a noi esterno.

    Non ci sarà mai una relazione che possa renderci felici o infelici. Non sarà perché avremo più soldi che potremo realizzare tutto ciò che vogliamo e così via dicendo.

    Partiamo da noi, dal nostro centro e dal nostro cuore 💚. Cominciamo a respirare lentamente, chiudere gli occhi e a sentire che prima di tutto SIAMO!

    Siamo vivi, siamo qua, abbiamo la possibilità in questo tempo e luogo di esprimerci quali esseri unici ed irripetibili.

    Come? A piccoli passi, con umiltà.

    Imparando a conoscerci, a scoprire ciò che ci piace e ciò che invece è più lontano da noi.

    Ringraziando per ogni singola cosa che abbiamo. Spesso scrivere ci è utile. Provate a fare una lista di ciò che vi fa sentire grati in quel momento. Guardate soprattutto le piccole cose o aspetti che spesso si danno per scontati.

    Talvolta per esempio mi capita di ringraziare un fiore di campo per la sua bellezza, per esser cresciuto spontaneamente; oppure il sorriso inaspettato di una persona sconosciuta che ha incrociato il mio sguardo.

    Apprezzare ciò che già è dentro di se’ dona abbondanza, pace, riporta al momento, allontana la distrazione e la confusione che orbita intorno al nostro Essere.

    E da lì si riparte. Molte sono le onde che arrivano, ci attraverseranno e passeranno, più o meno alte.

    Guardiamo la nostra isola, bellissima, alla quale possiamo arrivare anche grazie a queste onde.

    E tutto scorrerà, è tutta Vita che scorre 🌊.

    Con Amore, alla Vita ✨✨✨

    Elena

  • L’Insoddisfazione da cosa nasce?

    Foto faithit.com

    Oggi desidero parlare di un aspetto di noi sul quale di rado ci soffermiamo a riflettere.

    Spesso ci si lamenta della propria relazione, dell’ambiente lavorativo, della famiglia, degli amici ecc.

    Magari sembra differente la forma, l’aspetto, il momento, ma nel profondo questa tematica ci accomuna gli uni agli altri.

    Se ci fermiamo a pensare, che cosa ci vuole comunicare l’insoddisfazione?

    Foto di success.com

    Ci sono mille punti di vista, simboli, modi di rispondere. Io vi parlerò del mio punto di vista, almeno per quanto mi è concesso sentire e vedere.

    Penso che l’insoddisfazione, come sentimento, ci voglia comunicare che c’è un aspetto di noi che non viene ascoltato. Qualcosa di profondo, non di superficiale.

    Ecco perché si manifesta continuamente, bussa alle nostre porte, richiama l’attenzione.

    In un mondo come quello in che viviamo oggi, molto veloce, immediato, pieno di immagini, stimoli, cambiamenti,… c’è una parte di noi che vuole stare al passo, non scendere mai da quel treno in velocità (il nostro Ego), una altra parte invece ci chiede di rallentare, di nutrirci, di divertirci, di staccarci un po’ da quella parte razionale e immediata per riuscire a prendere contatto con una parte più profonda (la nostra Anima).

    Se il nostro Ego è la struttura, la nostra Anima è il contenuto, l’invisibile che possiamo rendere visibile, custode della nostra Essenza e Unicità.

    Spesso soffriamo perché non ci viene dato spazio o meglio non ce lo concediamo.

    E’ un lungo percorso quello di imparare a conoscerci e a riconoscerci.

    E abbiamo a disposizione una Vita, lunga o corta che sia, fatta di istanti, di ore e di giorno dopo giorno.

    Immaginate che in una città molto caotica ci sia una persona che desidera attirare la vostra attenzione. Parla, ma non la sentite. Allora alza il tono della voce, ma ancora non riesce a raggiungervi. A questo punto comincia a urlare, senza fermarsi finché voi vi destate.

    Così è l’Anima. Instancabile, dolce e premurosa, determinata, utilizza l’insoddisfazione per arrivare a voi.

    E non è che una volta ascoltata, di rimbalzo avrete svelato il segreto della felicità.

    L’Anima tornerà a bussare o a urlare al vostro cuore, ogni qual volta vi staccherete dalla vostra più profonda verità.

    Ci sono tanti modi per imparare a fermarsi, ascoltarsi, e riprendere contatto con sé stessi riuscendo poi a trasformare tutta questa energia bloccata in nuova e rinnovata energia.

    La fonte di tutto è dentro di noi, e per me è il ♥

    Quindi, se volete un consiglio, non respingere l’insoddisfazione quando arriva. Ringraziatela, ascoltatela, cominciate a farvi domande anche scomode e attendete risposte sincere.

    Ciò che emergerà sarà la vostra personale Verità e diventerà la vostra Guida interiore.

    Un abbraccio di Luce,

    Elena

  • Come ricaricare le Pietre ed i Cristalli con la Luna Piena

    Le Pietre ed i Cristalli possiedono un’energia propria ed interagiscono con il nostro nucleo energetico e con ciò che ci circonda.

    E’ quindi importante purificarli e caricarli periodicamente.

    Esistono vari metodi per farlo, i principali sono:

    • il Sole ~ L’esposizione non deve essere mai diretta e non adatta a tutti i minerali
    • la Terra ~ Sotterrando i minerali nella terra, tranne le pietre molto porose
    • l’utilizzo di altri Cristalli ~ Sopra una drusa di Ametista o un Cristallo Ialino
    • la Luna ~ Tutti i minerali possono essere esposti agli influssi lunari. La luna non danneggia la struttura dei minerali e non forza la loro natura.

    La migliore fase lunare è la Luna Piena!

    Immagine Akissix on Pinterest

    Domani ci sarà la prima Luna Piena dell’anno quindi, se avete delle pietre e/o cristalli da ricaricare, approfittatene e metteteli in giardino o sul balcone appoggiati su un tessuto pulito, in un posto in cui siano illuminati dalla luce lunare. Ricordando però poi di non lasciarli di giorno all’esposizione del sole.

    Si può anche mettere i cristalli a contatto con la terra, in un vasetto o nei pressi delle radici di un albero in modo tale da assorbire sia gli influssi lunari che quelli terreni.

    Ogni Luna piena è idonea per tale compito, tuttavia ricordiamoci che ogni mese essa porta influssi differenti invitandoci a raggiungere obiettivi diversi.

    La Luna piena di:

    • Gennaio dona un’energia protettiva e invita a lavorare su se’ stessi.
    • Febbraio ha un’energia di crescita, guarigione e purificazione. Ci invita ad accettare i nostri errori e imparare a perdonarci.
    • Marzo ha un’energia crescente, che segna i nuovi inizi
    • Aprile invita all’equilibrio interiore aiutandoci a lavorare sulle emozioni.
    • Maggio ha un’energia creativa e intuitiva. Aiuta ad aprire il cuore al mondo dell’invisibile e creare un maggior contatto con la Natura.
    • Giugno invita a prendete una posizione e non permette ripensamenti.
    • Luglio invita a dedicarsi ai sogni e alla conoscenza del mondo interiore per poter ottenere una miglior chiarezza negli obbiettivi.
    • Agosto indica che è il momento di raccogliere i frutti.
    • Settembre fa entrare nel ritmo autunnale e apprezzare l’equilibrio tra il lato materiale e quello spirituale della vita.
    • Ottobre aiuta a raggiungere una certa stabilità, facendo riflettere su temi importanti.
    • Novembre spinge alla trasformazione e alla comunicazione con le energie sottili della natura.
    • Dicembre risveglia il bisogno di stare con gli affetti veri. E’ la luna alchemica, magica e misteriosa del cambiamento.

    Fatemi sapere nei commenti i vostri pensieri e se vi servissero altre informazioni chiedetemi pure!

    Buona prima Luna Piena 🌕!

    Un abbraccio, Elena 🤗💖

  • Ciondoli

    Ametista grezza
    Punta Quarzo Citrino
    Punta Tormalina
    Punta Quarzo Rosa
    Labradorite
    Occhio di tigre
    Chakra
    Albero della Vita
    Ametista di varie forme